Ungaretti nel Cilento

"Quando Velia scompare, l’arco che s’apre va fino al promontorio di Pisciotta. Incominciano ad arginare il mare rocce rugginose. La prima, corrugata come un tartufo di mare inverosimile ha quella violenza che fa piu’ paura: è violenta sino all’aridità e sino alla preziosità. Subito dopo vediamo un monte mosso da una strada come una saetta. Una violenza simile – in sul nascere del Barocco, e Michelangelo non era ancora lontano nel passato – l’ho vista solo a Roma, in due dipinti del Caravaggio: Il San Pietro e il San Paolo di Santa Maria del Popolo".

Intervista a Francesco Napoli, curatore di "Viaggio nel Mezzogiorno" di Giuseppe Ungaretti

Guarda il video


Appunti romani


Mine alla deriva


Cures for love